egloconsulenza@gmail.com

Team da remoto: come gestirlo?

SERVIZI DI SEGRETERIA, ASSISTENZA E CONSULENZA DA REMOTO PER IMPRENDITORI E AZIENDE.

Team da remoto: come gestirlo?

Gestione di un gruppo di lavoro online: consigli e modalità.

Sempre più liberi professionisti e aziende hanno bisogno di coordinare risorse umane da remoto, visto che spesso l’organico si trova in parti diverse dell’Italia o, addirittura, in Paesi diversi. Voglio presentare una semplice guida utile per organizzare in modo soddisfacente una squadra di lavoro in outsourcing. Operare con un team di persone a distanza permette di ottimizzare costi e tempi.

E’ importante occuparsi del controllo e gestione delle risorse umane tramite semplici accorgimenti.

1. Occorre un team leader
Affinché un team di lavoro operi adeguatamente, è opportuno avere un coordinatore che organizzi e si occupi dei processi tra i vari collaboratori. Un team leader deve avere attenzione ai dettagli e interessarsi alla regolare esecuzione dei progetti assegnati.

2. Lavora con collaboratori competenti
Il lavoro da remoto ha bisogno di professionalità. Verifica e analizza il percorso lavorativo di coloro che vuoi inserire nella tua squadra.

3. Fissa delle tempistiche
Organizza tempi e modalità anticipatamente. In questo modo non avrai problematiche nella consegna lavorativa ai clienti finali e il lavoro verrà eseguito serenamente con precisione.

4. Lavora con persone “digitalizzate”
Lavorare da remoto non è per tutti. I collaboratori devono essere in grado di operare online. Non puoi servirti di qualcuno che non sa neanche accedere un pc!

5. Dialoga con i tuoi collaboratori. Sembra una cosa banale, ma non lo è. Dialogare telefonicamente o tramite videochiamata con il tuo team permette di escludere dubbi sulle attività lavorative e sui processi esecutivi. Ti invito a controllare i tuoi collaboratori occupandoti di parlare con loro degli obiettivi giornalieri, settimanali e mensili. Deve esserci un costante contatto: basta un’ora a settimana per fare un punto della situazione e operare egregiamente.

6. Condivisione delle attività. Utilizza un mezzo di comunicazione aziendale che ti permetta di comunicare con il gruppo, nonché condividere documenti e file. Ci sono svariati task utili per la comunicazione tra membri di team da remoto: da google trive a trello, l’importante è che sia congeniale con l’attività lavorativa di cui ci si occupa.

 

Sono dell’idea che la gestione del team da remoto sia ottima quando v’è fiducia nei confronti dei collaboratori. Ciò è possibile lavorando con persone con esperienza professionale comprovata. L’esperienza permette infatti di essere in grado di organizzare in modo autonomo il proprio lavoro, senza problematiche connesse a poca conoscenza del settore in cui si opera.

Un aspetto di cui spesso l’imprenditore non si interessa è quello di condividere le idee. Il team, soprattutto un gruppo da remoto, deve sentirsi parte integrante delle scelte imprenditoriali e del modus operandi. Attraverso attività di brainstorming è possibile stuzzicare la creatività del team, permettendo un miglioramento e un soddisfacimento dell’operatività online.

Il mio approccio al lavoro da remoto è stato dettato dall’intenzione di rendere dinamico e maggiormente produttivo il servizio di assistenza e consulenza che offro.

Ritengo gli uffici statici datati, in quanto la produttività ha bisogno di soluzioni flessibili e non di vincolatività. Gli uffici da remoto aumentano la soddisfazione dei lavoratori online: viene ridotto il pendolarismo e si ha il giusto tempo da dedicare al lavoro senza stress o ansie.

La digital trasformation fa espressa richiesta di modificare la tipologia strutturale dell’azienda. La trasformazione digitale del lavoro vuole essere la nuova prospettiva economica e di business: le risorse umane sono coinvolte nel processo tramite piattaforme online, con un approccio intelligente.

Non si può dimenticare che il lavoro deve essere eseguito con passione. Un team online dà modo di coniugare il benessere personale alla produttività professionale.

Chiedo di riflettere su questi spunti organizzativi. Il team da remoto, se gestito in modo egregio, è un vero e proprio lifestyle, ovvero il connubio tra lavoro e vita personale senza prevariazioni tra i due. Provare per credere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *